Regione Siciliana
Assessorato dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana - Dipartimento dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana
CRICD
 Centro Regionale per l'Inventario, la Catalogazione e la Documentazione grafica, fotografica, aerofotogrammetrica, audiovisiva
Cerca nel sito  
Sede: Via dell'Arsenale, 52 - 90142 Palermo - Teche: Biblioteca, Fototeca, Cartoteca (C.so Calatafimi, 217 - 90129 Palermo), Filmoteca (Via Nicolò Garzilli 38 - 90141 Palermo)
 




 






Dipartimento dei Beni culturali e dell'Identità siciliana


Ministero dei Beni Culturali


ICCD

Archivio Video Cinematografico - Fondo Ofs - SoleLuna Doc Film Festival - Il senso degli altri


IDENTIFICAZIONE
Fondo SoleLuna Doc Fest
Tipologia Documentario
Stato Finito
Titolo originale Il senso degli altri
Altro titolo The meaning of the others
Regia
Marco Bertozzi
Lingua Italiano
Produzione
Luogo di produzione Italia
Casa di produzione Palomar – Con il sostegno del Ministero per il Affari Regionali e le Autonomie Locali – Comune di Piana degli Albanesi – Regione Siciliana
Produttore Nicola Sofri
Anno di produzione  2007
DESCRIZIONE FISICA
Durata 58’’
Cromatismo originale  Colore
Audio originale  Sonoro
CONTENUTO
Cast  
Con la partecipazione di
Abdellah Hammoudi, Antonio De Padova, Alban Kraja, Fatmir Koçi, Don Giovanni Vaccarini, Eugen Theodhori, Ilia Theodhori, Suor Franca, Altin Raxhini, Tobia Freusi
Sceneggiatura Marco Bertozzi
Fotografia Marco Bertozzi, Alfredo Betrò
Montaggio
Desideria Rayner
Suono Lorenzo Corvi
Musica Piero Messina
Animazione Simone Massi con la collaborazione di Julia Massi
Sinossi
L’abbandono della casa di famiglia dove si è vissuti sin dall’infanzia per il trasloco in un grattacielo di Rimini è la scena che apre il documentario di Marco Bertozzi. Una metafora che ci introduce al quesito sul senso dell’abitare e dello sradicamento. Da qui comincia la ricerca sull’identità di un’antica cultura, gli Albanesi d’Italia, gli Arbёreshё, arrivati tra il 1400 e il 1700 per sfuggire all’avanzata degli Ottomani. Attraverso un viaggio in Italia e Albania si cerca di rispondere a quesiti riguardanti l’identità, le ibride appartenenze degli uomini e la modulazione del ‘noi’. Scopriamo che Papas Faraco, un’autorità religiosa arbёreshё, aveva incontrato Pasolini e che questo aveva profetizzato il loro futuro. Incontriamo suor Franca, una suora arbёreshё, che sostiene come questa comunità sia riuscita a conservare buona parte della cultura d’origine, anche grazie alla nostalgia della patria lontana. Antonio De Padova, figlio del maestro protagonista del film di De Seta Quando la scuola cambia, è un arbёreshё ‘spiantato’ che vive a S.Marino ed ha sposato una finlandese. Come sostiene l’antropologo Abdellah Hammoudi, gli Arbёreshё sono un grande esempio di convivenza pacifica in terra straniera, perché hanno saputo farsi apprezzare per qualcosa che ci risulta misterioso. Uno degli enigmi in cui si cela ‘il senso degli altri’.
Soggetti
Arbёreshё
Albanesi
Identità culturale
Minoranze etno-linguistiche
Location
Tirana, Rabat, Rimini, Repubblica di S. Marino, Kruja, Scutari, Berat, Kucova, S. Marzano (TA)
DOCUMENTAZIONE
Premi e riconoscimenti
Premio per il miglior documentario, categoria ‘Mediterraneo, alla III edizione Sole Luna Doc Fest, Palermo 2008
Percorsi di fruizione
Cinema Margherita, Cupra Marittima (AP) 2013
II Festival del documentario d’Abruzzo-Premio Emilio Lopez, Pescara 2008
II edizione ‘Doc in tour’, Rassegna regionale delle sale d’essai dedicata al documentario, Cinema Tiberio, Rimini 2008
Torino Film Festival, Fuori concorso DOC : Progetto Alba Suite Fuori Concorso DOC, Torino 2007
Cinema Trevi, Rassegna Alba Suite: 9 documentari sulla cultura Arbёreshё, Roma
NOTE
Il documentario fa parte di una serie di 9 documentari d’autore sulla cultura Arbёreshё in Italia, ideata da Salvo Cuccia.
Sono presenti immagini di archivio: film di famiglia in super8 con scene di vita nelle comunità Arbёreshё, 1953-1967; Minoranze e ricchezze d’Europa. Albanesi in Italia, 1987 ; Quando la scuola cambia di Vittorio De Seta, 1979 ; Saluti da Spezzano, Teledomenica, Montréal anni ’60.
La voce di Pier Paolo Pasolini è stata registrata nel pomeriggio del 21 ottobre 1975 a Lecce e raccolta nel libro, curato da Antonio Piromalli e Domenico Scafoglio, Pier Paolo Pasolini. Valzer eloquio, Napoli, Athena, 1976.
ACCESSO E UTILIZZAZIONE
Tipo di acquisizione
Dono
Luogo di acquisizione
Palermo 
Diritti di proiezione
Palomar
Diritti di utilizzo
Finalità culturali
COMPILAZIONE
Data  
2014
Nome   Nadia Volpe
Funzionario responsabile  Laura Cappugi

Scheda in formato PDF