Regione Siciliana
Assessorato dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana - Dipartimento dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana
CRICD
 Centro Regionale per l'Inventario, la Catalogazione e la Documentazione grafica, fotografica, aerofotogrammetrica, audiovisiva
Cerca nel sito  
Sede: Via dell'Arsenale, 52 - 90142 Palermo - Teche: Biblioteca, Fototeca, Cartoteca (C.so Calatafimi, 217 - 90129 Palermo), Filmoteca (Via Nicolò Garzilli 38 - 90141 Palermo)
 




 






Dipartimento dei Beni culturali e dell'Identità siciliana


Ministero dei Beni Culturali


ICCD

Archivio Video Cinematografico - Fondo Ofs - SoleLuna Doc Film Festival - Feed the peace (Alimenta la pace)


IDENTIFICAZIONE
Fondo SoleLuna Doc Fest
Tipologia Documentario
Stato Finito
Titolo originale Feed the peace (Alimenta la pace)
Regia
Tiziano Novelli
Silvia Giulietti
Lingua Inglese, sott. Italiano
Produzione
Luogo di produzione Italia
Casa di produzione iFrame, Tribù dell‘arte
Anno di produzione  2005
DESCRIZIONE FISICA
Durata 55’
Cromatismo originale  Colore
Audio originale  Sonoro
CONTENUTO
Cast  
Interventi Hatem Taha, Erez Komarovski, Roni Hirshenzon, Robi Damelin, Jawad Dajani, Rami Dweik
Sceneggiatura Patrizia Fregonese
Aiuto regia Patrizia Fregonese
Fotografia Silvia Giulietti
Montaggio Tiziano Novelli
Riprese Silvia Giulietti, Tiziano Novelli (Israele, Palestina, 2005). Massimo Terranova (Roma)
Traduzione Patrizia Fregonese
Musica Tiziano Novelli
Sinossi
Il tema del conflitto arabo israeliano, il desiderio di una possibile riconciliazione, di contribuire alla causa della pace, è esaminato secondo un’angolazione inconsueta: il cibo. “Il cibo è nutrimento, il cibo è contro la guerra e l’intolleranza: alimenta la pace” è l’affermazione con cui si apre il documentario. “Uniti dal cibo ma anche attraverso l’arte, la musica, ma non perché imposta dal governo, ma perché voluta dal popolo” è ciò che sostiene Erez Komarovski, un cuoco di fama internazionale e proprietario, tra i tanti locali, anche della “fabbrica del pane” a Netanya, in cui lavorano persone di etnie e religioni diverse. Il documentario racconta il tema della pace attraverso l’amicizia tra due cuochi: un giovanissimo palestinese, Hatem Taha, allievo del cuoco di Arafat ed un famoso chef israeliano, Erez Komarovski. I due chef lavorano insieme per organizzare una cena per la pace tra Israele e Palestina a Roma, a Villa Piccolomini. Nell’organizzazione è anche presente il ‘Parents Circle’, l’Associazione delle famiglie delle vittime del conflitto. “Penso che questo pranzo abbia un significato assai più elevato del cibo che abbiamo mangiato, è l’idea biblica di spezzare il pane…”
Soggetti
Conflitto arabo-israeliano
Israele
Palestina
Cibo
Location
Tel Aviv, Autostrada Tel Aviv-Gerusalemme, Gerusalemme, Roma
DOCUMENTAZIONE
Premi e riconoscimenti
Premio speciale Babel IMA (International Migration Art) Festival, I edizione, Milano 2010
1°premio e menzione speciale per la colonna sonora, Festival ‘Un film per la pace’, II edizione, Medea (Gorizia) 2007
Percorsi di fruizione
Abruzzo Film Festival, Premio Internazionale Emilio Lopez, III edizione,
sezione ‘Visti da vicino’, Pescara,2009
Roma Film Festival, 2008
Sole Luna Doc Festival, III edizione, Palermo, 2008
In concorso al David di Donatello, Roma, 2008
Premio Italia Diritti Umani, Roma, 2008
Arcipelago Film Festival, Roma, 2008
NOTE
Extra: ‘Jenin Jenin’ di Mohammad Bakri (Israele, 85’ - 2002), sinossi, recensioni, filmografia di M. Bakri.
Il documentario ‘Jenin Jenin’ è stato censurato dal governo Israeliano per due anni. E’ un lavoro che ripercorre l’invasione da parte dell’IDF (Israeli Defense Force) al campo profughi palestinese a Jenin, in Cisgiordania, nell’aprile del 2002.
ACCESSO E UTILIZZAZIONE
Tipo di acquisizione
Dono
Luogo di acquisizione
Palermo 
Diritti di proiezione
iFrame, Tribù dell‘arte
Diritti di utilizzo
Finalità culturali
COMPILAZIONE
Data  
2014
Nome   Nadia Volpe
Funzionario responsabile  Laura Cappugi

Scheda in formato PDF