Regione Siciliana
Assessorato dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana - Dipartimento dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana
CRICD
 Centro Regionale per l'Inventario, la Catalogazione e la Documentazione grafica, fotografica, aerofotogrammetrica, audiovisiva
Cerca nel sito  
Sede: Via dell'Arsenale, 52 - 90142 Palermo - Teche: Biblioteca, Fototeca, Cartoteca (C.so Calatafimi, 217 - 90129 Palermo), Filmoteca (Via Nicolò Garzilli 38 - 90141 Palermo)
 




 






Dipartimento dei Beni culturali e dell'Identità siciliana


Ministero dei Beni Culturali


ICCD

Archivio Video Cinematografico - Fondo Panorama - Approdo Italia


IDENTIFICAZIONE
Fondo Panorama
Tipologia Documentario
Stato Finito
Titolo originale Approdo Italia
Regia Christian Bonatesta
Lingua Italiano
Produzione
Luogo di produzione Italia
Casa di produzione Esperia Film
Produttore
Giuliana Del Punta, Bruno Restuccia
Anno di produzione  2005
DESCRIZIONE FISICA
Durata  55’ x 2 episodi
Cromatismo originale  Colore
Audio originale  Sonoro
CONTENUTO
Cast  
Interventi
Giovanni Maria Bellu
Soggetto e sceneggiatura Christian Bonatesta
Fotografia Carlo Sisalli
Montaggio 
Fulvio Molena
Musiche Qbeta, Vincent Migliorisi, Sebastiano Forte, Karate
Sinossi
La Sicilia è il più facile ed importante punto d’approdo del Mediterraneo per tutti quei disperati che fuggono dalle proprie terre in cerca di libertà, giustizia e un destino migliore. Provenienti principalmente dal Nord-Africa e dai paesi sub-sahariani, affrontano il mare e spesso soccombono tragicamente.
Scrive il regista: "Ho accumulato circa 80 ore di materiale in tre mesi e mezzo passati a stretto contatto con i migranti. Metto a confronto alcuni episodi in stridente contrasto: ad esempio l'esperienza del centro di prima accoglienza Gertrude Maggiolini di Siracusa gestito da padre Carlo con un gruppo di volontari, e il rimpatrio forzato di 360 immigrati sbarcati a Lampedusa che il 6 ottobre 2004 sono stati imbarcati su quattro C-130 dell'aeronautica militare e spediti in Libia con i polsi legati con delle fascette di plastica".
La seconda parte del documentario racconta il naufragio di una nave affondata il 26 dicembre del 1996, al largo delle coste di Portopalo, con il suo carico umano di migranti provenienti dallo Sri Lanka, dall'India e dal Pakistan. Il regista ha raccolto la testimonianze di Shakur Ahmad, uno dei 20 sopravvissuti, e di Giovanni Maria Bellu, il giornalista di "Repubblica" che nel libro inchiesta I Fantasmi di Portopalo ha ricostruito una verità scomoda e tenuta in ombra.
Soggetti
Immigrazione
Diritti umani
Lampedusa
Porto Palo
Libia
Naufragio
Location
Portopalo - Siracusa
DOCUMENTAZIONE
Premi e riconoscimenti
Premio Giovani XI Premio Ilaria Alpi
INDC Fest, Rocca di Roncofreddo 2006
Cinema di migrazione, Roma 2007
Bibliografia Giovanni Maria Bellu, I fantasmi di Porto Palo, Mondadori 2006
Percorsi di fruizione
Bellaria Film Festival, Bellaria Igea Rimini 2016
Lampedusa in Festival, 2011
Associazione LESS, Napoli 2010
Associazione Macondo, Taranto 2005
Visioni in gabbie etniche Associazione antigone e Video Torre, Roma 2005
RAI TRE 2005
ACCESSO E UTILIZZAZIONE
Tipo di acquisizione
Dono
Luogo di acquisizione
Palermo 
Diritti di proiezione
Finalità culturali 
Diritti di utilizzo
Esperia Film
COMPILAZIONE
Data  
2015
Nome   Viviana Ippolito
Funzionario responsabile  Laura Cappugi

Scheda in formato PDF