CRICD
 Regione Siciliana - Assessorato dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana - Dipartimento dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana

Centro Regionale per l'Inventario, la Catalogazione e la Documentazione grafica, fotografica, aerofotogrammetrica, audiovisiva
Cerca nel sito  
Sede: Via dell'Arsenale, 52 - 90142 Palermo - Teche: Biblioteca, Fototeca, Cartoteca (C.so Calatafimi, 217 - 90129 Palermo), Filmoteca (Via Nicolò Garzilli 38 - 90141 Palermo)

 
Teche CRICD



Dipartimento dei Beni culturali e dell'Identità siciliana

Ministero dei Beni Culturali

ICCD

Enti per i palazzi e le ville di Sicilia - Palermo - Villa Castellini


 MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBINTALI
 DIREZ. GEN. DELLE ANTICHITA' E BELLE ARTI
 Soprintendenza per i Beni Ambientali ed Architettonici - Palermo
PROVINCIA E COMUNE PA - Palermo
LUOGO via Malaspina, 111
OGGETTO villa Castellini
CATASTO Fg .50/b, part.64
CRONOLOGIA inizio XX secolo
AUTORE ignoto
DEST. ORIGINARIA villa privata
USO ATTUALE nessuno
PROPRIETÀ privata V. Castellini
VINCOLI
LEGGI DI TUTELA  
P.R.G. E ALTRI  
TIPOLOGIA EDILIZIA - CARATTERI COSTRUTTIVI
PIANTA longitudinale
COPERTURE tetti, in parte a capanna con coperture in tegole, in parte piani a terrazza praticabile
VOLTE o SOLAI volte a botte e a crociera; solai piani
SCALE scala interna non praticabile
TECNICHE MURARIE paramento in pietra; muri a secco con pareti in conci di tufo intonacati
PAVIMENTI rifatti o mancanti
DECORAZIONI ESTERNE cornici a marcapiano in bianco; lesene in stucco
DECORAZIONI INTERNE assenti
ARREDAMENTI assenti
STRUTTURE SOTTERRANEE assenti
DESCRIZIONE La villa è costruita su pianta rettangolare a due elevazioni, la seconda delle quali, notevolmente più stretta, permette l'utilizzazione degli spazi laterali di risulta a piccole terrazze limitate da balaustre. Il piano terreno del prospetto principale, che poggia su un basamento in pietra, è intonacato ad imitazione di grossi conci squadrati. In esso si aprono sei finestre e due porte asimmetriche attualmente chiuse da saracinesche. Il piano nobile, intonacato in rosa acceso, è ritmato da lesene bianche, da balconi e da finestre, prive di chiusure, attraverso le quali si intravedono i soffitti semi crollati dell'interno con resti di affreschi e di stucchi. Il prospetto posteriore, visibile soltanto dai piani più alti delle moderne costruzioni che lo circondano, ripete i motivi ritmici e cromatici della facciata principale. Uniche varianti sono i tetti a capanna ed un piccolo attico centrale sormontato dallo stesso tipo di copertura. L'interno è inagibile perchè pericolante.
VICENDE COSTRUTTIVE - NOTIZIE STORICO-CRITICHE Le poche notizie riguardanti le vicende costruttive della villa sono state verbalmente fornite dall'attuale proprietario. Costruita ai primi del secolo sull'area delle cosidette Terre Rosse, servì come abitazione privata per circa quarant'anni. Danneggiata dai bombardamenti aerei durante l'ultima guerra, venne ristrutturata negli anni cinquanta. Lesionata dal terremoto del 1968 la villa venne ancora una volta abbandonata e servi per qualche tempo per rifugio abusivo di ragazzi italiani e stranieri che, a quanto dice il proprietario, finirono col ridurla al miserando stato in cui versa attualmente. Costruita agli inizi del'900 questo piccolo edificio ricalca stancamente la tipologia delle ville palermitane del Settecento sia nell'impostazione volumetrica, sia nell'impaginatura e nella bicromia delle facciate e persino nei motivi degli stucchi ornamentali delle cornici e delle lesene.
SISTEMA URBANO strada cittadina adiacente alla strada ferrata
RAPPORTI AMBIENTALI la villa è oggi illeggibile nel suo insieme perchè quello che doveva essere il suo originario spazio di pertinenza è ormai chiuso lateralmente da due file di fabbricati prospicienti sulle vie Cantore e Cantieri Finocchiaro. Il prospetto posteriore è inglobato nelle nuove costruzioni che si estendono fino alla piazza Diodoro Siculo. Né risulta immediatamente fruibile il prospetto principale della villa in quanto affaccia sul tratto più stretto della via Malaspina che è in quel punto fiancheggiata dal muretto di cinta della strada ferrata.
ISCRIZIONI - LAPIDI - STEMMI - GRAFFITI:  
RESTAURI (tipo, carattere, epoca)  
BIBLIOGRAFIA  
OSSERVAZIONI  
ALLEGATI
ESTRATTO MAPPA CATASTALE All. n°1
FOTOGRAFIE All. nn°2,3,4
Fondo fotografico
DISEGNI E RILIEVI All. n°5
MAPPE  
DOCUMENTI VARI  
RELAZIONI TECNICHE  
RIFERIMENTI ALLE FONTI DOCUMENTARIE
FOTOGRAFIE Archivio fotografico dell'Ente per i Palazzi e le Ville di Sicilia :
AlI. n° 2 : negativo n° 7704105
AlI. n° 3 : negativo n° 7704109
AlI. n° 4 : negativo n° 7704109
MAPPE - RILIEVI - STAMPE  
ARCHIVI  
RIFERIMENTI ALTRE SCHEDE  
COMPILATORE DELLA SCHEDA  
DATA